Privacy Policy
Pane Civraxu

Lo sapete, sono sarda. E ho un ricordo indelebile impresso nella mente che è il profumo di pane che mia madre portava a casa quando rientrava da scuola.
Lei era maestra e insegnava in un piccolo paesino che si chiama Nebida. Un paesino di minatori e di persone che lavoravano e vivevano intorno alla miniera.
Una Signora, le regalava sempre il pane civraxu, rigorosamente cotto nel forno a legna e che lei custodiva gelosamente fino a arrivare a casa e condividere con tutta la famiglia.
Ho cercato diverse volte di replicare questo pane, con insuccessi di ogni tipo…ma poi, tramite la mia amica Manu, che mi ha regalato il libro #saludietrigu, ho conosciuto Gerardo Piras che mi ha gentilmente messo a disposizione il suo sapere e ho ottenuto un pane civraxu simile al ricordo che avevo impresso…ancora perfezionabile, badate bene, ma questo si raggiunge con l’applicazione, a furia di fare e rifare.
Vi lascio la ricetta e spero possiate dilettarvi in questa preparazione per ottenere un pane tipico sardo fatto con semola di grano duro e fior di farina!

Nel suo libro, Gerardo, spiega sia in italiano che in sardo, le ricette e i procedimenti. “Saludi e Trigu” è una forma di saluto in cui si augura al nostro amico di avere “salute e grano”, cioè avere sempre qualcosa da mangiare! Se riuscite, comprate questo libro e avrete a disposizione un pezzo di storia di panificazione!

Pane Civraxu

Portata Pane
Cucina Italian
Porzioni 1 pagnotta di circa 900 gr

Ingredienti
  

  • 250 gr semola di grano duro io ho usato semola senatore cappelli del mulino di nurri
  • 250 gr fior di farina sempre senatore cappelli del mulino di nurri
  • 300 gr Acqua
  • 100 gr licoli rinfrescato e maturo
  • 10 gr Sale

Istruzioni
 

  • La lavorazione avviene in diversi momenti: 1. si scioglie il sale nel 70% di acqua del totale e si fa autolisi con il 70% di acqua e tutta la farina. Si aggiunge anche il lievito e si realizza un impasto non formato che si lascia riposare per circa 1 h. 2.si impasta il pane aggiungendo il restante 30% di acqua fino a ottenere un impasto omogeneo e vellutato 3.l'impasto viene messo a lievitare in un mastello piatto fino a quasi il raddoppio 4. si procede a realizzare le pezzature o, se sarà un'unica pezzatura, allora alla preforma e forma dell'impasto fino al completamento della seconda lievitazione 5. a lievitazione avvenuta, si procede con la cottura. Io ho usato la pentola di ghisa e ho cotto in forno statico preriscaldato a 200°C con il coperchio per poi proseguire altri 20 minuti senza coperchio.
Keyword lievito madre, pane, pane civraxu

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




*

Social Slider

  • by ledolcipagnotte 2 mesi ago
    Questo pane lo dedico alla mia amica Manu  @unaragionierainfermento  che la scorsa estate mi ha organizzato un corso dedicato alla
  • by ledolcipagnotte 2 settimane ago
    Alcuni periodi sono particolarmente impegnativi, vuoi per le troppe cose da fare, vuoi emotivamente perché carichi di emozioni. Questo è
  • by ledolcipagnotte 1 mese ago
    Sono a Rimini a  #ginnasticainfesta  e le gare sono appena terminate! Ho accompagnato mia figlia Gloria che pratica  #ginnasticaartistica  da
  • by ledolcipagnotte 1 mese ago
    Una pizza di soli grani antichi?  #sipu ò !!! Sono partita dalla ricetta super rodatta di  @lalunasulcucchiaio  che, grazie alla Manu
  • by ledolcipagnotte 1 mese ago
    Sono appena rientrata dalla  #sardegna  Quando vado, soprattutto quando l’aereo sta per atterrare e durante il viaggio in treno, mentre
  • by ledolcipagnotte 19 ore ago
    Anche se d’estate è faticoso accendere il forno, anche se il caldo rende difficile stare dietro all’impasto…anche se…panificare è sempre
  • by ledolcipagnotte 7 giorni ago
    Mi sto leggermente fissando con le Olimpiadi … Ricordo quelle del 2016, gli spalti pieni, Rio con il redentore sullo
  • by ledolcipagnotte 4 settimane ago
    Questo è stato un weekend dedicato al cammino e alla corsa! Iniziato venerdì con una  #corsadimezzaestate  , proseguito sabato a
  • by ledolcipagnotte 3 settimane ago
    Questo periodo è il periodo dello “svuota sacchi”. Il caldo ci fa accendere meno il forno e le alte temperature